La più completa
banca dati
immobiliare Italiana
2570 notizie

11878 sentenze

8371 norme
nazionali e regionali

2559 domande e...
risposte!

258 moduli
pronti all'uso
Home Chi Siamo Sedi Organi Nazionali Statuto Contatti
Confederazione Piccola Proprietà Immobiliare
Via Ruggero di Lauria, 9 - 20149 Milano (Italia) - Tel +39 02.3310.5242 - Fax +39 02.3166.41
 Notizie

Notizie

HOME RESTAURANT: CONFAPPI, BUONA OPPORTUNITÀ PER PROPRIETARI

13 Giugno 2017
Condominio - in genere
Condominio - in genere
“La ristorazione in abitazione è un’ottima opportunità per i proprietari di immobili, che possono incrementare il loro reddito attraverso un esempio positivo di sharing economy”. Così il presidente Confappi, Silvio Rezzonico, a proposito del disegno di legge sull'home restaurant, approvato dalla Camera e ora in discussione al Senato. Qualora il ddl dovesse diventare legge, i proprietari di immobili avranno l’opportunità di trasformare la cucina della propria abitazione in un piccolo ristorante aperto ad amici e sconosciuti, creando una fonte di reddito alternativo. Nel testo licenziato dalla Camera vi sono però alcune “limitazioni”, bocciate anche dall’Agcm, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. In particolare, sul numero di coperti massimi (10 in un giorno, 500 in un anno) e, soprattutto, sull’importo massimo degli incassi, che in dodici mesi non può essere superiore ai 5.000 euro.
Le abitazioni in cui si svolgerà il servizio di ristorazione dovranno essere a norma dal punto di vista igienico-sanitario e il cibo dovrà essere trattato nel modo più opportuno, seguendo le prescrizioni contenute nel regolamento CE 85/2004. Infine, dal punto di vista fiscale, l’home restaurant è considerata un’attività saltuaria d’impresa e quindi non è obbligatorio aprire la Partita Iva e versare contenuti previdenziali, sempre a patto che non si superino i 5.000 euro annui.