La più completa
banca dati
immobiliare Italiana
2570 notizie

11878 sentenze

8371 norme
nazionali e regionali

2559 domande e...
risposte!

258 moduli
pronti all'uso
Home Chi Siamo Sedi Organi Nazionali Statuto Contatti
Confederazione Piccola Proprietà Immobiliare
Via Ruggero di Lauria, 9 - 20149 Milano (Italia) - Tel +39 02.3310.5242 - Fax +39 02.3166.41
 Notizie

Notizie

CONDOMINO MOROSO: VIETATO INTERROMPERE L'EROGAZIONE DI ACQUA E RISCALDAMENTO

01 Febbraio 2018
Condominio - spese
Condominio - spese
Il condominio non può sospendere al condomino moroso servizi essenziali e indispensabili come l'erogazione dell'acqua e del riscaldamento. È quanto deciso dal Tribunale di Bologna con l'ordinanza del 15 settembre 2017. Il condominio, con riferimento all’articolo 63, comma 3, delle Disposizioni di attuazione del Codice civile - per il quale “in caso di mora nel pagamento dei contributi che si sia protratta per un semestre, l’amministratore può sospendere il condomino moroso dalla fruizione dei servizi comuni suscettibili di godimento separato” - ha chiesto di essere autorizzato, in via di urgenza e cautelare, a interrompere i servizi di riscaldamento, acqua e antenna centralizzata ad una condomina che, per oltre sei mesi, non ha versato le quote per usufruire di tali servizi. Il giudice, confrontando gli orientamenti contrari alla sospensione e quelli a favore “in funzione della preminente tutela del diritto alla salute" garantito dall'articolo 32 della Costituzione, ha respinto il ricorso autorizzando implicitamente ed esclusivamente il distacco dall’antenna televisiva centralizzata, considerato un servizio non essenziale. Il tribunale ha poi osservato che il ricorso all’istituto della sospensione dei servizi deve essere considerato come “extrema ratio”, specificato che la procedura esecutiva immobiliare, conseguente all'azione di riscossione avviata dall'amministratore, ha prodotto due effetti: 1) la possibilità per il condominio di chiedere al giudice dell’esecuzione l’immediata sostituzione del custode del bene pignorato, in vece del debitore esecutato, con conseguente acquisizione dei frutti derivanti dalla locazione dell'immobile stesso, oltre che il pagamento delle spese condominiali relative; 2) l'attivazione del nuovo custode in ordine alla liberazione dell'immobile, fra l'altro, in caso di inadempienza ai predetti obblighi.